Sbalzo di tensione ed il pc non si accende: ecco come proteggere il computer

Vi siete appena accorti di uno sbalzo di tensione o un calo di corrente ed il pc non si accende? Niente panico, ecco come proteggere il nostro computer da sbalzi di tensione in casa.

Per renderti più chiaro il concetto di “sbalzo o calo di tensione” ti porto l’esempio in cui in casa più apparecchiature elettriche sono accese contemporaneamente, ti accorgi che si appaga la luce della lampadina. In questo caso, gli elettrodomestici stanno richiedendo maggiore energia elettrica, di conseguenza si verifica il calo della tensione.

Un altro esempio è quello in cui un improvviso black-out provoca un’interruzione di energia elettrica e di conseguenza l’arresto di tutte le apparecchiature, ad essa connesse.

Se dopo uno sbalzo di tensione elettrica il pc non si avvia, o al contrario si riavvia da solo, è importante richiedere subito assistenza informatica per rivelare la gravità del danno che la macchina può aver subito.

Quali possono essere i danni da sbalzi di tensione elettrica?

I danni possono essere di lieve impatto o totalmente catastrofici. Potrebbe verificarsi il caso della rottura di un trasformatore o un danneggiamento dell’hard disk (testine e locazioni di memoria). Più rari, ma non da escludere danneggiamenti alla scheda madre. Insomma le problematiche ed i guasti legati ad uno sbalzo di corrente possono risultare estremamente letali per il nostro pc.

Come proteggere il pc da sbalzi di corrente?

La migliore protezione per un computer da sbalzi di tensione elettrica a casa è senza dubbio la scelta di multiprese filtrate che hanno il compito , appunto, di “filtrare” disturbi dati da apparecchiature elettriche, come sbalzi e picchi.

Per ottimizzare meglio la protezione è invece consigliato utilizzare un gruppo di continuità UPS. Quest’ultimo, altro non è che una batteria che protegge il pc da sbalzi e black-out che possono provocare arresti improvvisi.

La maggior parte degli ups hanno la possibilità di essere collegati direttamente al computer attraverso un software (installato direttamente su pc o un software di rete).

Al momento in cui si verifica un black-out, il software informa l’UPS che la corrente elettrica è venuta a mancare e il dispositivo potrebbe arrestarsi improvvisamente.

A questo punto entrerà in funzione l’UPS attraverso un avviso acustico, restituendo un range di tempo che consente all’utente di spegnere il PC in maniera corretta, evitando che il computer si “schianti” e subisca danneggiamenti. Solitamente nei Gruppi UPS è presente anche la funzione di controllo, gestita attraverso un software (installato sul computer) che comanda l’arresto del sistema quando il dispositivo sta funzionando solo a batteria.

 

Gli UPS sono composti da un’alimentatore, un inverter ed un apparecchio AVR. La batteria si ricarica al momento del collegamento e avrà la durata di qualche anno, poi dovrà essere sostituita.

Il prezzo degli UPS varia molto dalla tipologia scelta:

  • Vi sono gli UPS Online che garantiscono la massima protezione, filtrando tutta la corrente in ingresso. Il loro costo è piuttosto elevato.
  • Vi sono poi Line Interactive che filtrano la corrente solo al momento in cui si verificano alcune oscillazioni di tensione. Essi hanno un prezzo più contenuto rispetto ai primi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *